SOCIAL
  • resta aggiornato

    Segui 26Lettere.it su Facebook e Twitter

Trading e Intelligenza Artificiale: arriva l’AI WorkLab

di Fiorella Ialongo

Una delle sfide più difficili e stimolanti che l’innovazione digitale sta ponendo nel mercato del lavoro riguarda l’intelligenza artificiale (AI). Tra i settori in cui è maggiormente utilizzata vi è quello del trading. Soprattutto in riferimento agli strumenti finanziari le compravendite automatiche sfiorano e, in alcuni casi superano, il 40%. Inoltre, l’intelligenza artificiale sta acquisendo un livello di sofisticazione che punta alla conoscenza profonda, oltre che alla possibilità di stabilire autonomamente la soluzione adeguata al variare delle condizioni di un dato contesto di riferimento. Il robot – advisory è quindi da un lato in grado di valutare in tempi brevissimi le migliaia di informazioni dei big data aziendali ed in particolare di quelle delle corporate; dall’altro lato l’AI richiede una serie di nuove competenze umane digitali. Per soddisfare la crescente richiesta di queste professionalità lavorative, una delle risposte maggiormente efficaci è quella di formare giovani talenti che siano in grado di accrescere la competitività delle imprese con l’innovazione dell’AI. Quanto detto sono alcune delle analisi effettuate nel corso dell’evento “THE ROAD TO SUPERINTELLIGENCE – Innovating Corporates & Institutions with Artificial Intelligence”. In questa occasione è stato presentato il programma di incubazione sull’intelligenza artificiale AI WorkLab, lanciato dalla holding LVenture Group, che gestisce l’acceleratore LUISS ENLABS. I partner del programma sono BNL Gruppo BNP Paribas, BNP Paribas Cardif, Sara Assicurazioni, Cerved Group e Payback. Tra i qualificati relatori della serata vi sono stati Michele Cermele, Amministratore Delegato della Cerved Credit Management e Marco Trombetti, CEO di Translated e fondatore di Pi Campus. La serata è stata presentata da Luigi Capello, CEO di LVenture Group, e da Augusto Coppola, direttore del programma di accelerazione della LUISS ENLABS. Alla call sarà possibile iscriversi entro il 30 novembre 2017. Ai vincitori sarà offerta la possibilità di concretizzare un progetto d’impresa di una startup avvalendosi delle consulenze degli esperti della LUISS ENLABS e delle altre imprese partecipanti al programma. I team selezionati riceveranno un finanziamento di 2.500 euro ed una formazione specifica di tre mesi nei locali dell’acceleratore romano. Per quest’ultimo il programma in oggetto rientra nella propria strategia di Open Innovation che a sua volta si inserisce nell’ecosistema delle startup. In riferimento a queste ultime si segnala che tra quelle in portafoglio della LVenture Group 15 progetti imprenditoriali hanno già ottenuto finanziamenti che superano il milione di euro in poco più di 5 mesi. Tra gli eventi internazionali relativi all’ecosistema delle startup si segnala il Selection Days dell’ acceleratore globale Startupbootcamp FoodTech. In questa occasione si sono sfidati le migliori startup provenienti da 70 Paesi in un processo di valutazione di altissimo livello. I team vincitori punteranno ai mercati maggiormente promettenti della food innovation e sono: CricketOne, GreenBanana, MyFoody, OrganizEat, Orthoponics, Serket, Trysome, UNAsmart, Winture. Questo secondo programma conferma e supera il successo della precedente edizione con un solo obiettivo: validare il modello di business ed affermarsi velocemente sul mercato. Tale fine sarà raggiunto grazie anche al supporto di leader quali Gambero Rosso, LVenture Group, Monini, Cisco, M3 Investimenti, Orienta. Il programma di accelerazione partirà il 16 ottobre e terminerà con il Demo Day del 25 gennaio 2018.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>