SOCIAL
  • resta aggiornato

    Segui 26Lettere.it su Facebook e Twitter

Insurtech: il futuro delle assicurazioni

Insurtech è il neologismo tecnico nato dalla fusione delle parole inglesi insurance e technology. Insurtech racchiude in sé un mondo di concetti legati all’innovazione tecnologica nel campo delle assicurazioni. Un insieme di possibilità che modificano e migliorano il servizio del settore assicurativo e il modo di fruirne del cliente finale. Negli ultimi anni, sull’onda del successo della fintech, ovvero la tecnologia abbinata alla finanza, l’insurtech è un percorso fondamentale per le compagnie assicurative che devono rimanere competitive sul mercato.

COME FUNZIONA L’INSURTECH

I nuovi modelli di business applicati alle assicurazioni sfruttano molteplici tecnologie innovative al fine di migliorare le prestazioni degli operatori e la fruizione dei clienti. Le agenzie assicurative oggi riescono ad offrire la possibilità di operare sulle proprie polizze e stipulare contratti in formato digitale, un modo molto più snello e veloce dal punto di vista burocratico. L’Insurtech è anche questa possibilità, assieme a tante altre tecnologie in grado di raggiungere, fidelizzare e favorire i clienti, ma anche i professionisti.

LE TECNOLOGIE DELL’INSURTECH

La Sharing Economy, ovvero l’economia della condivisione, è un ambito interessante anche per il settore assicurativo. Nello specifico essa si applica in modelli di business predisposti alla condivisione, sia dal punto di vista del marketing che del prodotto assicurativo stesso. La personalizzazione offerta deve incontrare le più specifiche esigenze dei clienti esistenti e potenziali.

 

La Blockchain technology è una delle funzioni più importanti per il settore delle assicurazioni. Questa nuova tecnologia consente l’avvio di transazioni finanziarie, la gestione dei processi assicurativi e la conservazione della documentazione prodotta secondo i più sicuri metodi.

 

L’Intelligenza Artificiale consente di profilare e di aiutare il cliente nelle diverse fasi assicurative, ma anche nella semplice ricerca di informazioni. I nuovi sistemi comprendono elementi di IA che aiutano i computer a ragionare come esseri umani e a offrire agli utenti contenuti e contesti coerenti. Non si applica solo alla rete internet l’Intelligenza Artificiale, ma anche ai mezzi di trasporto come ad esempio alle auto senza autista o alla capacità di comunicare tra loro di elettrodomestici e sistemi di sicurezza.

 

Lo stesso tema della gestione dei big data è fondamentale per le compagnie assicurative che devono disporre di importanti tecnologie per tutelarne la privacy e gestirli agevolmente. Tutte queste informazioni possono essere sfruttate ai fini della micro-insurance, ovvero le polizze di nicchia, rilevanti per quel determinato cliente.

 

Un discorso approfondito meriterebbe l’applicazione delle più importanti tecnologie volte alla protezione dei dati sensibili. Le assicurazioni, come molte altre aziende, devono proteggere i propri sistemi in modo accurato da hackeraggi e violazioni. Per tanto è fondamentale che le compagnie assicurative si dotino delle ultime tecnologie di cyber security per proteggere il proprio patrimonio di dati. La sicurezza informatica è anche un settore che nei prossimi anni interesserà sempre più aziende, tanto da poter considerare una crescente richiesta di polizze ad hoc dedicate a questo sensibile tema.

 

Un altro tipo di tecnologia che può rivelarsi un’opportunità di business quanto una semplificazione dell’operato è l’IOT (Internet of Things). Pensiamo alle case smart, agli smart building o alle auto driverless. Tutti ambiti interessanti per le compagnie assicurative.

 

DATI SULL’INSURTECH

Un recente studio analisi realizzato da Swiss Re / Università di San Gallo ha considerato tutte le tecnologie digitali e le reazioni degli operatori assicurativi. Lo studio dimostra come il settore delle assicurazioni stia vivendo una trasformazione importante con l’avvento dell’insurtech. Lo si denota anche dai livelli di investimento in questo campo che sono passati da 146 milioni di dollari del 2011 ad 1,7 miliardi di dollari dello scorso anno.

CAMBIAMENTI PORTATI DALL’INSURTECH

I primi elementi ad essere modificati dall’Insurtech riguardano la relazione con i clienti. Sono sempre di più gli utenti che per scegliere una polizza o per raccogliere informazioni scelgono la rete internet. Ciò anche grazie all’ampia presenza di comparatori di assicurazioni che consentono di confrontare le offerte delle diverse compagnie in merito alle polizze di riferimento. Alcuni siti di comparazione delle polizze impiegano la moderna tecnologia dello scraping per offrire ai clienti la preventivazione online. I siti di comparazione dei prezzi delle varie compagnie assicurative offrono all’utente anche l’opinione di quanti hanno sottoscritto la medesima tipologia di polizza.

I dati di profilazione dei clienti sono oggi molto dettagliati e consentono agli operatori di presentar loro proposte adeguate e personalizzate.

Con l’avvento delle più moderne tecnologie mobili e digitali gli assicuratori possono entrare in contatto diretto con i clienti e instaurare relazioni che possono creare coinvolgimento anche di altri potenziali nuovi clienti.

 

Nell’imminente futuro è ragionevole ritenere che le imprese assicurative impiegheranno ulteriori tecnologie per migliorare le proprie performance nel settore. Nel frattempo con l’Insurtech le agenzie storiche si trovano affiancate da nuove imprese che hanno scelto di penetrare il mercato. Obbiettivi dei nuovi attori del settore assicurativo è quello di offrire un servizio più puntuale e soddisfacente per il cliente, ma anche porsi in ottica incumbent. Tale situazione non pare essere però di lunga durata nelle proiezioni future.

Per affrontare le novità le compagnie assicurative stanno operano importanti collaborazioni con imprese tech e promuovendo le innovazioni delle più moderne start up.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>